LETTERA DALLA PRESIDENTE

Dal Congresso di Napoli il ROI guarda al futuro

Carissime, carissimi,

siamo rientrati dal Congresso ROI di Napoli pieni di entusiasmo e di nuove idee. Mai come quest’anno ho sentito tanta attenzione e tanta voglia di conoscersi, di collaborare, di condividere esperienze, di aggiornarsi. Non si tratta solo dell’effetto di una lunga pausa forzata dovuta alla pandemia, credo ci sia molto di più.
C’è l’esigenza sempre più forte di riconoscersi come professionisti che condividono attraverso il ROI un approccio comune all’osteopatia. Un approccio rigoroso e al tempo stesso attento alla relazione, al dialogo e al confronto con gli altri.
Quell’atteggiamento che ci ha permesso di costruire una rete di consensi e di credibilità di cui la Tavola Rotonda di sabato è stata la testimonianza più evidente, mettendo politica, istituzioni e professionisti a confronto con la voce dei cittadini. Una voce chiara e limpida che, attraverso il sondaggio Quorum/YouTrend, ha chiesto che l’osteopatia rientri prima possibile a pieno titolo fra le professioni sanitarie.

Di grande importanza quest’anno è stata poi la giornata precongressuale di venerdì. In quel momento di incontro pensato per i giovani professionisti e per i neodiplomati ho visto tutte le premesse che proiettano con ottimismo la categoria verso il futuro. Abbiamo visto forze nuove, desiderose di conoscere da vicino l’associazione e di partecipare attivamente alla costruzione dell’osteopatia di domani, innanzitutto a livello scientifico. La qualità delle tesi presentate, unita al rigore della metodologia di ricerca, sono la migliore premessa per consolidare quella posizione di primo piano dell’Italia nel panorama della ricerca in campo osteopatico. Inoltre, dal confronto dei giovani con soci di esperienza, al quale abbiamo voluto dedicare uno spazio con il World Café, sono emersi i bisogni delle nuove generazioni di professionisti e tante idee e spunti sui quali il ROI potrà costruire i progetti di domani.

Voglio ringraziare tutti i soci che hanno preso parte a queste giornate di lavori e che sono stati protagonisti attivi degli apprezzatissimi workshop e dell’Assemblea. È importante ricordare che l’altra novità di quest’anno è stata la scelta di tenere l’assemblea all’interno del congresso per garantire la massima partecipazione di tutti alla restituzione del lavoro del Consiglio Direttivo.

Grazie naturalmente ai relatori del Congresso, ai moderatori, ai docenti dei workshop che con l’alto livello dei loro interventi e della loro professionalità, hanno confermato la qualità e l’attualità delle competenze che il network del ROI riesce a mettere in campo ogni volta. Grazie infine a tutto il gruppo di lavoro del ROI che, anche a distanza, ha reso possibile e indimenticabile questo settimo Congresso che abbiamo voluto portare in una delle città più belle d’Italia.

Grazie a tutte e a tutti!

Per approfondimenti leggi tutta la newsletter qui